Marco Fantacuzzi
Regia, Produzione
Dopo la laurea in Scienze della Comunicazione, inizia come videomaker freelance in ambito preferibilmente cinematografico e artistico. Si specializza lavorando come montatore di immagini e suono, colorist e consulente di post-produzione. Tiene laboratori di cinema e audiovisivi dal 2004, nel 2007 viene riconosciuto Final Cut Pro Apple Certified Trainer e insegna tecniche di montaggio video a centinaia di professionisti nel Nord Italia.
Ha curato personalmente l'editing di centinaia di progetti audiovisivi, tra cui 50 cortometraggi e 3 lungometraggi: Study di Paolo Benetazzo, Alice in the Land of Hope di Silvana Santamaria, e Land of Joy di Laura Lazzarin, quest'ultimo in selezione ufficiale al 29° Torino Film Festival. E' fondatore e direttore artistico di Kinocchio, con cui organizza workshop di cinema dove i talenti emergenti possono sviluppare e realizzare i propri progetti con l'aiuto dei maestri (www.kinocchio.com). Attualmente lavora come producer per Cinema Key, la sua produzione con cui si propone nel mondo del cinema e della comunicazione audiovisiva.
Facebook
Cecilia Fincato
Responsabile Comunicazione
Curiosa per natura, mi stimola quella speciale sensazione di felicità e coraggio che mi dà il mettermi alla prova con esperienze e nuovi ruoli a cui magari non avevo pensato prima. Negli anni, ho sviluppato una sconsiderata dipendenza da film e serie tv che, spesso e volentieri, mi fanno vedere la realtà in maniera diversa da quella che è. Non potrei fare a meno della sceneggiatura di Manhattan di Woody Allen, delle interviste di Jim Carrey e delle immagini che evocano i libri di Murakami. Amo mettere a proprio agio chi mi circonda e, pur apprezzando qualche momento di solitudine, mi piace lavorare in gruppo, ascoltare le opinioni altrui e cercare sempre nuovi equilibri per migliorare i rapporti tra le persone. L'organizzazione è ciò che mi sta più a cuore, evito con gioia l'approssimazione e le perdite di tempo e, per questo, mi sto cimentando con il ruolo di project manager.
Linked in
Francesca Cutropia
Montaggio
Perché ho scelto questo lavoro? Ecco la risposta suggerita da uno dei miei film preferiti:“Amélie sente di essere in totale armonia con sé stessa. In quell’istante tutto è perfetto.”Perfetto. Si. Anche se non mancano mai: problemi, imprevisti, scadenze, errori, cadute, tempi stretti, e la lista potrebbe continuare all’infinito... Ciononostante sento che questo è quello che voglio fare. Da quasi due anni collaboro con Cinema Key, e in poco tempo ho avuto l’opportunità di sperimentare diversi linguaggi non solo in campo strettamente video, ma anche organizzativo. Parallelamente a questa attività, dal 2015 a Roma, insieme a Paolo Roberto Santo, curiamo il nostro gruppo di videomaking “Balloons Production”. Un progetto che ci da molte soddisfazioni e che vediamo crescere giorno dopo giorno grazie alle diverse collaborazioni con enti esterni come aziende, teatri, associazioni culturali e privati, senza perdere di vista quelli che sono i nostri progetti personali.
Marco Candiago
Montaggio
Nonostante abbia passato più tempo a guardare le filmografie (rigorosamente in VHS) di registi come François Truffaut e Nanni Moretti piuttosto che studiare sui libri, nel 2006 mi sono laureato in Scienze della Comunicazione. Dopo un corso post laurea di regia e montaggio ho poi iniziato a lavorare come editor in Italia, collaborando tra gli altri con Sky, Comedy Central e Mediaset. Dal 2012 vivo a Berlino dove, oltre ad ever scoperto la musica elettronica e un sacco di bar carini, ho scritto e diretto il mio primo documentario, Bitte Leben. Attualmente collaboro con diversi studi in città e dal 1° gennaio 2017 è iniziata la mia avventura in Cinema Key.
Sitoweb personaleLinkedinFlickr
Claudia Davalli
Coordinatrice, Location, Casting
Incantata dall’arte collettiva…Come in un’orchestra, solo quando tutti gli strumenti suonano al ritmo giusto ne esce una bella sinfonia, così in un progetto video, solo quando il lavoro di squadra ha funzionato bene ne esce un video straordinario. Per questo, amo coordinare il lavoro di squadra e prendere parte all’evoluzione di un progetto creativo dalla preparazione allo shooting, sempre orientata a cercare soluzioni, scoprire luoghi e location, conoscere attori e troupe … Si, ho paura della noia, e adoro gli imprevisti ! (…o meglio adoro quando riesco a risolverli ). Dopo anni di studio e lavoro a Roma sono riemersa a Padova, la mia città, continuando a organizzare e pianificare video, documentari, spot.
Stefano Borgo
Montaggio, Motion Graphics
Scrivere con le immagini, per raccontare una storia, per trasmettere un’emozione. Quale lavoro permette di raggiungere questo obiettivo? Dopo essermi fatto le ossa a Milano, ho scelto di diventare un montatore professionista, e dal 2012 ho la fortuna di collaborare con Cinema Key, occupandomi di editing e di motion graphic: con questo gruppo ho imparato che la qualità dei risultati non è casuale, ma il frutto di uno sforzo collettivo nell’applicare sensibilità e competenze diverse. Continuo a coltivare la passione per la scrittura (ho collaborato con riviste di critica cinematografica come Duellanti e Marla) e credo nella forza dell’arte, dello scambio e della lettura, impegnandomi con Chiara Mattucci nello sviluppo del cantiere creativo ILBookLab.
Francesco Durante
Aiuto Regia
Impegnato in produzioni dislocate tra Regno Unito, Italia ed Emirati Arabi Uniti, amo passare il mio tempo libero ricaricando le batterie della creatività riempiendomi gli occhi di nuove situazioni, luoghi, persone e culture. Il mio lavoro come sceneggiatore e regista si concentra sull'esplorazione del comportamento umano, in particolar modo nelle circostanze drammatiche della vita, usando come mezzo narrativo sia il documentario che, a volte, la finzione. Tra i miei interessi spiccano la cultura del cibo, la musica dal vivo e l'immersione subacquea.
Salvatore Frisina
Operatore
Lo storytelling ha molte forme e purtroppo cerco sempre di coglierle tutte. Non solo attraverso un obiettivo, ma partecipando attivamente alle realtà diverse nelle quali mi catapulto. Lavoro tra Padova, Praga e New York, ma non cerco un posto dove stare, ma solo storie da raccontare. Durante gli studi al dams, ho prodotto cortometraggi e mi sono pavoneggiato ai festival e ai mercati internazionali. Poi mi sono auto-accusato di narcisismo patologico e sono tornato sui libri. Ho studiato psicologia e ho scoperto che non sapevo raccontare, ho imparato a raccontare psicanalizzando gli altri. Quando ho intuito che era il caso di star zitti, ho capito che amavo filmare. Adesso sono guarito e mi limito a premere rec. Il resto lo decidiamo assieme.
Maria Sidel'nikova
Montaggio, Aiuto Regia
Condivido in pieno la grande passione che il team di Cinema Key nutre per il proprio lavoro. Fin da piccola ho sempre provato una grande attrazione per l'arte e per lo spettacolo, da lì nasce la continua ricerca del bello e della perfezione anche nei piccoli dettagli. Mi piace mettermi alla prova in diversi ruoli - adoro lavorare sul set, ma anche la fase di scrittura e dell'ideazione di un progetto, e ora sto studiando il montaggio. Mi stimola molto quindi l'attitudine alla sperimentazione che ha Cinema Key nel cercare sempre nuove sfide, trovo che sia fondamentale non smettere mai di allargare i propri orizzonti.
Roberto Cavallini
Sviluppo progetto, Distribuzione
Amo sviluppare e realizzare le idee altrui, intercettando le esigenze e le potenzialità insite in ogni progetto creativo, convinto che la filiera produttiva di un film, un documentario di creazione o un cortometraggio sia il frutto di un delicato equilibrio di fiducia reciproca, impegno e visione condivisi. Come creative producer, passo la maggior parte del tempo ad ascoltare, come il primo spettatore di opere ancora da scrivere; poi a volte mi travesto da budget trickster e mi invento piani finanziari, cerco finanziamenti, delineo contratti e bevo prosecco (non sempre in quest’ordine), scrivo bandi ed esploro strategie di distribuzione, mi aggiro per i mercati dei film festival e faccio networking perché fa rima con notworking. Ho un dottorato in Visual Cultures (Goldsmiths, University of London) e sto scrivendo un libro dal titolo ‘Performing Silence in World Cinema’; ho vissuto 5 anni a Smirne in Turchia dove insegnavo cinema documentario, e viaggio appena posso, anche quando non dovrei. Ho una gatta con problemi di identità: di nome è Habibi ma si fa chiamare Minnie, e va pazza per tonnetto e quinoa.
Marta Mazzucato
Scenografia e Costumi
Sono Marta, costumista per necessità, sistematrice di set per vocazione. Mi piace frugare tra le cose vecchie, rattoppare, disfare, vestire i personaggi nel modo più verosimile possibile, mi piace organizzare lo spazio scenico, sono una provetta apparecchiatrice di tavole. Dopo la laurea allo IUAV Design della Moda e una laurea in Cinema alla Sapienza di Roma ho deciso che il set sarebbe stata la mia casa, da arredare e disfare ogni volta.
Silvia Bortolazzo
Produzione/Aiuto Regia
Laureata al DAMS di Bologna, fin da subito ha iniziato a lavorare in ambito cinematografico collaborando, dal 2003, nel ruolo di segretaria di edizione con la casa di produzione Aranciafilm e con il regista Giorgio Diritti. Dopo qualche anno come editor presso la Video Maker Srl nel 2008 si avvicina al lavoro del regista Corrado Ceron e con la Milagrofilm prende parte a numerosi progetti cinematografici e commerciali. Nel 2014 partecipa alla lavorazione di “Scorciatoie” (partecipante al David di Donatello). Tra i vari progetti seguiti: “In viaggio” e “Contando le formiche” e nel 2017, sempre come segretaria di edizione, “Apnea” e “Corinna” di Corrado Ceron. Nel 2018 segue nel ruolo di aiuto regia la lavorazione di “Pop-posta” (titolo provvisorio) di Marco Pollini con produzione Ahora! Film, affiancando a questa la collaborazione come aiuto regia e segretaria di edizione con la casa di produzione video Cinema Key. Nei mesi successivi ricopre il ruolo di DIT per l’agenzia B-Reel di Londra nella realizzazione di uno shooting per Loro Piana.